renon.jpg

Renon

Tra pochi giorni verrà inaugurato un percorso tematico per i più piccoli. Misura tre chilometri e si trova nel panoramico contesto del Corno di Renon, tra la stazione di arrivo della funivia, il rifugio Feltuner e la vetta della montagna.
I più piccoli potranno leggere le favole scritte in un grandissimo libro-installazione, giocare in una sorta di nido-labirinto, sguazzare sulle rive di un magico laghetto, arrampicarsi su una gigantesca aquila di legno e scoprire il bello dei giochi all’aria aperta.  
Il nuovo percorso prende ispirazione da una leggenda locale legata alla figura del menestrello Walther Canterino. Si narra che questo cantastorie perse la strada mentre si trovava sul Corno del Renon: sperduto tra i monti, venne colto alla sprovvista da un temporale e cadde in un crepaccio, rompendosi una gamba. A salvarlo ci pensò un’aquila, portandogli bacche, piante officinali e alcune radici grazie alle quali riuscì a salvarsi e a riprendere il proprio cammino. In cambio, Walther – che diventò così Walther von der Vogelweide (tradotto: pascolo degli uccelli) – raccontò all’aquila tutte le favole che conosceva e le regalò il suo cappello da cantastorie. Toni, l’aquila a cui è intitolato il nuovo sentiero, non è altri che una discendente di quel generoso rapace e, come tutti i suoi antenati, si è fatta custode delle storie di Walther, che adesso ama raccontare ai bambini.
I piccoli potranno scoprire tutto sulla leggenda di Toni nel libretto creato per l’occasione (qui il pdf da scaricare), oltre naturalmente a divertirsi nelle varie postazioni del nuovo sentiero.

TRA MIELE E ALPACA
Tra le attrazioni più gettonate dell’Altipiano del Renon, spicca senza dubbio il grande allevamento di lama e alpaca al maso Kaserhof di Soprabolzano. Durante il trekking settimanale, in particolare, è possibile osservare da vicino questi animali e “condurli” fino alle Piramidi di Terra lungo un incantevole sentiero tematico (nel trekking è compresa una piccola merenda a base di speck). Sempre a proposito di animali con cui interagire, sono tantissimi i masi e gli agriturismi che propongono attività nella fattoria.
E se dovesse piovere (eventualità rara, il Renon è “l’altipiano del sole”)? Niente di meglio che passare qualche ora al museo dell’apicoltura (presso l’antico maso Plattner) per scoprire come si produce il miele e si allevano le api. Il maso si trova a Costalovara ed è facilmente raggiungibile con il trenino del Renon: si scorge già da lontano, vista la sua posizione panoramica.
Il maso Plattner è uno dei più antichi masi del Renon. Proprio qui, nella parte del fienile dell’edificio, si trova una grande raccolta sull’apicoltura altoatesina con tutte le informazioni sulle api e le operazioni di smielatura. La pittoresca collina circostante il maso ospita vecchi apiari e un percorso didattico lungo il quale è possibile osservare l'attività solerte delle api.

E-BIKE PER TUTTI
Fino alla fine di ottobre vi sarà la possibilità di prendere parte ai tour guidati sul Renon in e-bike, organizzati due volte alla settimana con la guida Hannes Lang. Due alternative: un percorso di 22 km, durata 3 ore) al costo di 35 € a persona (30 € con RittenCard) con e-bike propria, e un percorso più impegnativo di 38 km, durata 5 ore, con sosta pranzo, sempre a 35 € a persona (30 € con RittenCard). Partecipando a un tour guidato (o soggiornando in una delle strutture che aderiscono alle proposte e-bike) è anche possibile noleggiare la bici elettrica. Da non dimenticare, infine, che da Soprabolzano si può anche scendere a Bolzano in funivia con bici al seguito (al costo di 7 €, biglietto giornaliero).

Ulteriori informazioni? info@renon.com

Condividi su  -