Più di mille itinerari per pedalare e camminare, centinaia di guide alle località più interessanti delle Alpi e degli Appennini senza dimenticare i laghi ed anche le coste del Nord Italia.
In sella o scarponi ai piedi tante idee per vivere giornate e vacanze indimenticabili! Chi siamo per spiegare il nostro sito e la filosofia! Il blog per aggiornamenti e novità!
E se vuoi arrivare direttamente a ciò che cerchi usa la lente in alto a destra! 

Itinerario del giorno

Su e giù per Pralongià
Lasciati Ispirare

Su e giù per Pralongià

spettacolare anello in Alta Badia, panorami a 360 gradi

Giro impegnativo, intenso, veloce e tutto sommato breve ma .. che panorami! Se poi si ha la voglia e la tempra di affrontarlo al mattino presto – alle prime luci dell’alba, però! - si può godere di uno scenario bucolico - senza l’affollamento delle ore centrali - e delle straordinarie tinte del primo mattino quando il sole si alza sopra le Dolomiti ampezzane ed inizia a scaldare l’Alta Badia. Si può pedalare ammirando la rugiada che evapora dai verdissimi steli d’erba, davvero emozionante.
Con partenza da La Villa (1439 mslm), si pedala in direzione di San Cassiano fino a raggiungere gli impianti del Piz Sorega (1580 mslm circa).  Si sale su percorso ciclopedonale, un’ampia traccia sterrata che corre parallela al Ru Gianc.
Giunti, senza troppa fatica, a San Cassiano (km 5), lasciandosi la funivia a destra, si prende a pedalare su discreta pendenza verso il rifugio Sara...

Continua a leggere...

Ultima News

Catinaccio ... giardino delle rose?
News

Catinaccio ... giardino delle rose?

storia, leggende e ... romanticismo attorno al nome dello splendido gruppo

Siamo tutti convinti che lo splendido Catinaccio sia chiamato in tedesco "Rosengarten", ovvero "giardino delle rose" in omaggio alle tante leggende che raccontano dell'epopea di Re Laurino e delle sue vicende. C'è chi racconta che tentò un rapimento e fu tradito dal giardino e c'è chi, invece, narra che il giardino, così incantevole, gli costò una figlia.
Quale che sia la vicenda, alla fine della favola Re Laurino maledice il giardino: "né di giorno né di notte nessuno potrà più ammirarti". Dimentica però alba e tramonto ... ed è così che in questi momenti del giorno le pareti dolomitiche si tingono del caratteristico colore rosa-arancio che, in ladino, prende il nome di "enrosadira".

In realtà, probabilmente anche il nome tedesco, come que...

Continua a leggere...