aafundres.jpg
La bella val di Fundres (scorri la gallery!)
brixen.jpg
Il centro storico di Bressanone
novacella1.jpg
Abbazia di Novacella
novacella2.jpg
Abbazia di Novacella
rodengo.jpg
Rodengo (immagine a cura dell'ufficio turistico Gitschberg Jochtal)
sabiona1.jpg
Al monastero di Sabiona, sopra Chiusa
sabiona2.jpg
Al monastero di Sabiona, sopra Chiusa
vipiteno2.jpg
Attorno a Vipiteno
vipiteno3.jpg
Attorno a Vipiteno
vipiteno5.jpg
Il centro di Vipiteno
Alto Adige

Valle d'Isarco

La val d'Isarco costituisce un'importante via di comunicazione tra l'Italia e l'Europa centrale, ponte tra le culture germaniche e latine, tra l'Austria e l'Italia.
Il fiume che dà il nome alla valle sfocia nell'Adige a Bolzano, dopo essersi arricchito d'acque provenienti dalle Alpi Breonie di Levante e Ponente e da alte montagne come il Pan di Zucchero (3505 metri), il Gran Pilastro (3510 metri) e la Cima del Prete (3547 metri).
Tre sono le parti in cui è divisa la valle: alta (da Fortezza al passo del Brennero), media (dal ponte di Ladritsch allo sbocco della splendida val di Funes) e bassa (dalla suggestiva Chiusa a Bolzano). Vipiteno e Bressanone sono le principali località della vallata.
L'intera valle è dunque contrassegnata dal binomio cultura ed ambiente: cittadine ricche di storia e tradizione inserite in un ambiente dove escursioni, pedalate e sport sono ancora più piacevoli nonostante l'indubbio impatto del tracciato della A22.

I BORGHI
A quasi mille metri di quota si trova Vipiteno, l'antica città dei Fugger, che fonde il fascino medioevale e lo stile moderno, centro prezioso incastonato in un affascinante ambiente naturale: le vicine valli laterali sono le verdi valli di Racines, Ridanna, Fleres, Vizze e Giovo. 

Gitschberg Jochtal è un altopiano racchiuso tra pascoli e frutteti, contrassegnato da un paesaggio vario e sorprendente. Su tutto domina la Piccola Punta Bianca, alta 3400 metri. Nella microregione si incontrano stelle alpine e rododendri selvatici nelle zone più "alte" mentre i meli dominano ad altititudini inferiori. In questo territorio si trova Castel Rodengo, risalente al 1140: una possente costruzione a sovrastare la gola del Rienza.

A 566 metri di quota, Bressanone è invece una gradevole cittadina dal fascino tutto tirolese ma dal clima che i germanici vivono come "mediterraneo". Come Vipiteno, ha saputo armonizzare il suo presente ed il suo passato e vive con equilibrio le evoluzioni architettoniche e culturali. Elemento di rilievo è l'Abbazia di Novacella, poco distante dall'abitato, l'antico convento dei canonici agostiniani che racchiude al suo interno la collegiata tardo barocca, il chiostro gotico, il pozzo delle meraviglie, una biblioteca ed il bel castello dell'Angelo. Si trova appena a nord di Bressanone.

Infine Chiusa, porta di accesso alle Dolomiti, caratterizzata da grazioso centro storico e sovrastata dal Monastero di Sabiona, raggiungibile con una passeggiata (circa mezz'ora per colmare i duecento metri di dislivello) che porta a dominare vasti settori dell'intera vallata. Sabiona è la culla del cattolicesimo nelle montagne sud tirolesi.

Condividi su  -