0fellarialago0.jpg
Il lago sotto al ghiacciaio di Fellaria (est) - scorri la gallery!
0fellarialago1.jpg
Il lago sotto al ghiacciaio di Fellaria (est)
fellariaalpe.jpg
L'Alpe Fellaria
fellariabignami.jpg
Rifugio Bignami
fellariadisgrazia.jpg
Il monte Disgrazia, visto dalla diga di Campo Moro
fellariaghiacciaioovest.jpg
Il Fellaria (ovest)
fellarialago.jpg
Un'altra immagine del lago ai margini del ghiacciaio
fellarialago1.jpg
Un'altra immagine del lago ai margini del ghiacciaio: caratteristici iceberg
fellariamarmotta.jpg
Simpatici incontri lungo il percorso
fellariatorrente.jpg
Fragorosi torrenti alimentati dalle acque di fusione
Lombardia

Val Malenco: i ghiacciai

Il sentiero glaciologico Luigi Marson è uno degli itinerari più belli ed illuminanti delle Alpi. Percorrere l'intero sentiero, nelle sue diramazioni A e B, è una sorta di full immersion in storia, geologia e climatologia. Il tutto "fuori aula", ovvero godendosi una splendida giornata all'aria aperta nel versante più incontaminato della Val Malenco (dalla diga di Gera in su, ovviamente).

Storia, perché si ammirano le baite, in parte ristrutturate, dell'Alpe di Fellaria.
Geologia e glaciologia, perché le tabelle illustrative mostrano come il movimento dei ghiacci abbia influenzato, nel corso dei millenni, tutto il paesaggio che circonda l'escursionista.
Climatologia, perché le stesse tabelle rendono evidenti gli effetti del surriscaldamento globale e dell'effetto serra.

Scrive il sito www.ecomuseovalmalenco.it
Il sentiero glaciologico Luigi Marson nasce nel 1996 da un’iniziativa del Servizio Glaciologico Lombardo (SGL) per avvicinare il grande pubblico agli ambienti glaciali del gruppo del Bernina, unico “quattromila” delle Alpi Centrali.
Il sentiero permette di introdurre con consapevolezza escursionisti, visitatori e turisti alle peculiarità dell’ambiente glaciale. In occasione del suo ventesimo anniversario, alla luce delle profonde modificazioni dei luoghi dovute al ritiro glaciale, il sentiero è stato aggiornato e arricchito ed ora è costituito da tre percorsi, che partono dal rifugio Bignami.

La passeggiata, dunque, è allo stesso tempo appagante quanto triste. L'aggettivo più giusto è forse malinconica se si pensa che ogni anno il paesaggio cambia ed ogni anno il ghiacciaio si ritira. Chi ha figli piccoli difficilmente potrà tornare qui e mostrare loro lo stesso emozionante paesaggio: ogni aspetto, in pochi anni, sarà inesorabilmente cambiato.
I pannelli illustrativi mostrano, infatti, come fino a pochi anni fa non fossero visibili certe pareti rocciose perché interamente ricoperte di ghiaccio. E come le fragorose cascate - che ora inesorabilmente portano a valle acqua di fusione - non esistessero nemmeno. Ed infine come lo scenografico laghetto, protagonista di un quadretto pur indimenticabile, non sia altro che un esito (temporaneo) di un ritiro accelerato del ghiacciaio.

Protagonista della passeggiata lungo le tre varianti del sentiero glaciologico è dunque il ghiacciaio di Fellaria del quale si osservano le lingue che scendono a valle, residuo di masse glaciali molto più imponenti fino a poche decine di anni fa.

Si parte dal parcheggio poco oltre Campo Moro, proprio ai piedi della diga dell'Alpe Gera, a 1990 mslm. Vi si arriva salendo in auto da Lanzada, in val Malenco, e superando sia Campo Franscia sia Campo Moro. Per chi volesse sfidarsi in una improba doppietta, ovvero mtb e trekking, la salita a Campo Moro misura quindici chilometri e colma un dislivello di milletredici metri dai 977 di Lanzada ai 1990 mslm di Campo Moro. Le pendenze sono pressoché costanti: di poco inferiori al 7% nella prima metà, di poco superiori nella seconda. Solo il passaggio prima di Campo Franscia ed il finale risultano meno impegnativi. 
Diversi tornanti alleggeriscono il peso della salita mentre numerose gallerie (anche se quelle davvero buie sono solo tre e non sono particolarmente lunghe) suggeriscono di dotarsi di una torcia per vedere e farsi vedere.
I dettagli dell'altimetria cliccando questo link (www.salite.ch) 

Si sale verso la diga, alternando sentiero e strada di servizio, fino a raggiungere la sommità dello sbarramento. E' il momento della prima vista sul versante orientale del ghiacciaio di Fellaria che domina sia il lago artificiale sia il rifugio Bignami, visto qui secondo una prospettiva davvero scenografica.
Proprio il rifugio Bignami (2401 mslm) è la prima tappa intermedia: vi si arriva prendendo quota con costanza e senza particolari difficoltà tecniche o atletiche lungo il sentiero che sale sul versante a nord del lago artificiale. Si lascia alla propria destra il rifugio e si procede in lievissima salita fino all'Alpe di Fellaria.
La descrive così il sito www.paesidivaltellina.it (cliccando questo link si apre l'intera pagina dedicata alla zona): "Il suo centro è posto in un piccolo avvallamento che pone le baite al riparo dai venti che spirano dai ghiacciai omonimi. Fino alla metà degli anni Settanta del secolo scorso era caricata da una decina di famiglie della contrada di Ganda (Lanzada), ciascuna con il proprio soprannome (i re, i gat, i santin, i mau, i gnolii, i tonitoni, i alpin, i öc, i péteréi), con una settantina di capi che salivano fin qui dopo aver sostato nei sottostanti alpeggi di Campomoro (cammòor) e di Gera (prima che gli attuali invasi li sommergessero); oggi, invece, da molti anni nessun capo di bestiame pascola più nella splendida cornice dell’alta Valle di Campomoro."

Si continua oltre, ignorando le deviazioni verso la bocchetta di Caspoggio ed il rifugio Marinelli, attraversando un primo torrentello. Nel bel mezzo di una piana erbosa si osserva un altro ponticello che consente l'attraversamento di un secondo torrente, meno impetuoso. Qui attorno un pannello illustra come il ghiaccio modelli non solo le vallate ma anche, ancora oggi, il terreno e la sua conformazione.

Appena dopo il ponticello inizia il vero e proprio sentiero glaciologico Luigi Marson, diviso lungo due direzioni: A e B.
Seguendo le indicazioni A si prende quota con decisione tra pietraie e sfasciumi fino al Lago Fasso, affacciato sulla più occidentale ramificazione del ghiacciaio di Fellaria. Alla base, diverse centinaia di metri sotto il ghiacciaio, s'è formato un laghetto che impreziosisce una piana erbosa solcata da un torrente. Due cascate scaricano a valle decine di metri cubi d'acqua ogni secondo.

La direzione B, invece, conduce verso il Fellaria orientale. E' un sentiero molto vario: si parte con un'impegnativa salita tra le rocce, un breve tratto in discesa fino ad un vallone - segnato dalla presenza di innumerevoli massi erratici (ovvero massi trasportati dal ghiaccio, come spiega un nuovo pannello illustrativo). Questo è anche il punto migliore per osservare, ed ammirare, estese e quasi didattiche rocce montonate, ovvero modellate dall'azione glaciale.

Nel vallone si può procedere in direzione nord, risalendo fino alla parete rocciosa ed al laghetto posti alla base della vedretta occidentale oppure puntare al Fellaria est  (vedi la mappa cliccando il link sotto: si fa riferimento ad un "sentiero C").

Vi si arriva in circa mezz'ora, dopo aver attraversato il torrente grazie ad un ponte in legno e non prima di aver preso quota con decisione tra le rocce: due i pannelli illustrativi lungo la salita. Il primo, in realtà, non è altro che un punto di riferimento, ovvero il punto in cui arrivava il ghiacciaio del 1945 (sembra incredibile), il secondo evidenzia invece gli esiti del crioclastismo (ovvero del susseguirsi di gelo e disgelo) sulla roccia.

Giunti ai piedi del ghiacciaio di Fellaria Est, a circa 2600 mslm,  lo spettacolo è eclatante: il ghiacciaio è spezzato in due. Dalla tormentata parte superiore precipitano blocchi di ghiaccio e sgorgano diverse cascate che alimentano il ghiacciaio inferiore la cui fusione ha dato origine ad un lago in cui, spesso, navigano iceberg derivanti da crolli e fratture del ghiacciaio stesso. Inutile dire che fino a pochi anni fa non esistevano né il ghiaccio, né le cascate, né due ghiacciai: il tutto era un corpo unico e scivolava molto più a valle di quanto fa ora.

Così il sito www.ecomuseovalmalenco.it descrive l'evoluzione del ghiacciaio e delle sue propaggini.
Le prime descrizioni glaciologiche del versante lombardo risalgono al 1899, per mano proprio di Luigi Marson, professore al Regio Istituto Tecnico di Sondrio e membro della Società Geografica Italiana. Da esse si ricava che il ghiacciaio aveva già abbandonato il piano di Alpe Gera e la lingua si attestava a circa 2300 m di quota. Da allora il ritiro è stato pressoché costante: la separazione delle due lingue, orientale ed occidentale, avvenne negli anni Trenta del secolo scorso, e si è verificato un solo periodo di controtendenza tra il 1977 ed il 1985, con una fase di stazionarietà e di avanzata delle fronti di qualche decina di metri.
A partire dagli anni Novanta del Novecento si assiste ad una spettacolare e rapida riduzione glaciale ed a importanti modificazioni morfologiche.
La fronte ovest ad inizio anni 2000 ha subìto la completa fusione della seraccata che scendeva a quota 2500 m, lasciando il posto ad un laghetto, ed ora si è posizionata a quota 2750 m circa.
La fronte est nel 2006 perde continuità con la parte superiore del ghiacciaio, in corrispondenza del grande salto roccioso a 2900 m circa di quota. La parte inferiore, alimentata quindi dal solo crollo del ghiaccio soprastante, inizia una notevole involuzione con l’assottigliamento progressivo della lingua glaciale e la comparsa di laghetti alla fronte, che nel 2015 si sono uniti in un solo grande lago di contatto glaciale.

Ma molto più delle parole può fare l'osservazione delle tabelle esplicative e cliccando i seguenti link è possibile vedere:
- la sagoma del Fellaria ovest nel 1990
- nel 1996
- nel 2010

Ed inoltre:
- la sagoma del Fellaria est nel 2010
- nel 2012
- nel 2015

Infine, cliccando quest'ultimo link  è possibile visionare lo schema d'insieme del ghiacciaio di Fellaria confrontando l'estensione del 1860 con quella del 1954 e del 2016.

La mappa dei sentieri si può osservare cliccando questo link
Il link www.ecomuseovalmalenco.it/percorsi/percorsi-naturalistici/sentieri-tematici/sentiero-glaciologico-luigi-marson/ apre la pagina creata dall'ufficio turistico locale e dedicata ai ghiacciai della valle.

Chiudiamo con due link che aprono due video:
- servizio RAI sul ghiacciaio di Fellaria e più in generale sul riscaldamento globale (incorporato da una pagina Facebook)

 

- servizio di LA7 sulle riserve idriche della Regione Lombardia ed un focus sui ghiacciai della val Malenco

 

 

Condividi su  -