chignolo1.jpg
Il castello Procaccini a Chignolo Po (scorri la gallery!)
transitumpadi.jpg
Transitum Padi
villalitta.jpg
Orio Litta
Lombardia

Via Francigena, nel Lodigiano

Lodigiano profondo, terra di agricoltura, piccoli paesi che, pur essendo vicini alla principale direttrice autostradale e ferroviaria italiana, sembrano quasi isolati in un contesto senza tempo.
Si può pedalare per piccole strade provinciali, argini del grande fiume e strette strade interpoderali per muoversi tra Somaglia, Orio Litta e Ca d'Andrea. E' invece obbligatorio percorrere un tratto di SS234 Codognese (la statale che unisce Cremona e Pavia) per raggiungere il bel castello Procaccini, a Chignolo Po.

Somaglia è individuata da molti storici come l'antica Roncaglia, sede di alcune “diete” imperiali - le riunioni dei feudatari in cui si definiva la strategia politica e militare - volute da Federico Barbarossa. Qui si trova un castello - fondato nell'anno Mille e profondamente rivisitato nelle epoche successive - che ogni anno è il cuore di suggestive rievocazioni di tali eventi imperiali.
Lungo la SP126 e poi la SP206 si arriva a Orio Litta, piccolo centro agricolo dominato dalla villa Litta Carini. La famiglia Cavazzi, già proprietaria per oltre nove secoli del castello di Somaglia, è all'origine della storia di questa monumentale villa che da un lato domina il paese e dall'altro troneggia sulla sterminata campagna che digrada verso il Po.
Non bisogna avere tuttavia fretta di arrivare ad Orio Litta: dopo sei chilometri infatti si incontrano le indicazioni per Corte Sant'Andrea, un gruppo di case raccolte attorno ad una grande cascina (km 9 da Somaglia, 3 dal bivio). E' un tipico esempio di insediamento agricolo, giunto ai giorni nostri quasi intatto: una deviazione è d'obbligo. A pochi metri corre il fiume Po e proprio qui si trova il “transitum Padi”, il punto in cui la via Francigena guadava il corso del grande fiume nel suo snodarsi da Canterbury a Roma. Un cippo identifica questo storico passaggio (tappa XXXIV).
Tornati ad Orio Litta (km 1.5 dal bivio per Corte Sant'Andrea) si giunge a Chignolo Po (km 6 da Orio Litta) percorrendo un breve tratto di SS234 (meno di due chilometri) e sfruttando poi la viabilità minore attraverso la frazione Lambrinia (via don Sbarsi e poi via Lambrinia).
Chi non se la sente di pedalare lungo la trafficata statale può concludere l'andata dell'itinerario ad Orio Litta ed avviarsi al rientro: a Corte Sant'Andrea, restando sull'argine, è possibile disegnare una variante dell'itinerario descritto rientrando a Somaglia immersi nella campagna, ad un passo dalle aree golenali del Po.

Chignolo Po è situato a breve distanza da San Colombano al Lambro. Questo paese - “enclave” milanese in provincia di Lodi a seguito di un referendum - è posto sull'unico rilievo collinare della pianura lombarda ed ospita floridi vigneti. Il centro storico è di raro fascino. Oltre alla parrocchiale ed alle chiese di San Giovanni, San Francesco e San Rocco vi si trova un portone secentesco voluto dalla popolazione per celebrare il titolo di “borgo insigne” conferito dal re di Spagna, Carlo II. Perla dell'abitato è tuttavia il castello la cui storia si intreccia con quella del citato imperatore Federico II, il Barbarossa.

Condividi su  -