132b - Dolomiti di Brenta-min (1).jpg

Autunno a Molveno

L'apertura (da verificare!) del rifugio La Montanara rende ancora più appetibile l'idea di un giro circolare, a piedi, per godere dell'autunno sul versante orientale delle Dolomiti di Brenta. Anticipiamo, per essere tempestivi, quanto andremo a raccontare nella sezione Autunno di www.cicloweb.net

Si parte dal lido di Molveno (860 mslm) e si percorre la strada comunale verso il campo sportivo. Poco dopo il campo di calcio si notano le indicazioni che guidano verso la baita Ciclamino ed il rifugio Croz dell'Altissimo (entrambi chiusi, quantomeno ad ottobre 2020). Si tratta di una salita su fondo compatto, spesso cementato, e su pendenze variabili, a volte anche severe per alcuni brevi tratti. La valle attraversata è detta "delle seghe" perché un tempo vi si trovavano svariate segherie, il cui funzionamento era garantito dall'energia ricavata dalla forza delle acque. Oggi il torrente è captato da numerose centraline per la produzione di energia idroelettrica tant'è che per diversi minuti si cammina accanto ad un alveo svuotato.

Giunti al rifugio Croz dell'Altissimo (1480 mslm, due ore circa) si contempla uno spettacolare anfiteatro dolomitico: due vallate si arrampicano fino alle più alte cime del gruppo del Brenta mentre verso sud si scorgono le tracce del sentiero che porta al rifugio Selvata e poi al Tosa Pedrotti. Lungo tutta la camminata sono le latifoglie ad aver acceso i colori dello sfondo: sul finale, invece, iniziano a stagliarsi i colori dei larici posti ai piedi delle candide pareti delle Dolomiti di Brenta.

Presso il rifugio Croz dell'Altissimo si abbandona l'ampia traccia per proseguire su un sentiero più esile che corre a mezza costa tra pareti rocciose, letteralmente a picco sulla vallata sottostante ma sempre largo e mai davvero esposto. L'attenzione comunque non deve mai mancare.
Suggestivo anche un passaggio in una breve galleria!
Attenzione: dal rifugio bisogna prendere il 340 verso Pradel, il rifugio La Montanara  non è indicato.

Effettivamente, dopo quasi un'ora di cammino si affronta un bivio: si può rientrare più velocemente a Molveno passando da Pradel oppure, e ne vale la pena, si può percorrere il tortuoso sentiero delle grotte (340 bis) che si arrampica nel bosco tra anfratti, caverne e tantissimi faggi prima di arrivare al rifugio La Montanara (40' dal bivio, 1h30' dal rifugio Croz dell'Altissimo). Posto a 1525 metri di quota questo rifugio offre una bellissima vista sulle Dolomiti di Brenta e sull'iconico Campanile Basso.

Una giornata meteorologicamente fortunata regalerà un trionfo di colori valorizzato dai contrasti tra le pareti delle Dolomiti, il verde degli abeti e le cangianti tonalità regalate dall'autunno: larici, faggi ed altre latifoglie garantiscono un ottobre cromaticamente molto vivace!

Condividi su  -