fuchiade9.jpg
fuciade4.jpg
Veneto

Falcade e la valle del Biois

VALLE DEL BIOIS
Tra le Pale di San Martino, la Marmolada ed il Civetta si allunga la valle del Biois. Si tratta di una valle molto verde, punteggiata da numerose piccole frazioni caratterizzate dalle loro tipiche abitazioni, i tabià.
Uno di questi paesi è Canale d'Agordo, il paese natale di Papa Albino Luciani. In tutti i centri, numerose chiese rappresentano un'attrattiva per gli appassionati d'arte.

FALCADE
Falcade è la località principale di questa zona e da essa si dipartono due strade che portano a due valichi, il Valles ed il San Pellegrino, e numerosi sentieri che portano ai quattordici rifugi d'alta quota. Da non perdere la passeggiata che sconfina in Trentino e si conclude al rifugio Fuciade, immerso in una splendida radura a poco meno di duemila metri: ideale anche per una faticosa escursione in mtb!
Significativa anche la dotazione infrastrutturale per la pratica di altri sport: dai più tradizionali come calcio e tennis a quelli più particolari come tiro con l'arco, pesca sportiva o parapendio.
Falcade si trova a 1100 mslm, circondata da incantevoli boschi ed affascinanti cime dolomitiche, ed è dunque un luogo ideale per chi ama vacanze all'insegna della purezza dell'ambiente e del fascino della montagna.
Passeggiando per il paese è poi possibile conoscere le usanze ed i costumi, ancora radicati in quest'angolo nascosto tra le Dolomiti venete e trentine.

La Valle del Biois è il luogo ideale anche per gli appassionati di mountain bike in quanto offre itinerari semplici e sicuri dove poter pedalare con tutta la famiglia. A questo ben si presta la pista ciclabile che da Falcade si snoda lungo la valle. Per i più allenati, percorsi tecnici e impegnativi in quota raggiungono punti panoramici di rara bellezza.
Ottime opportunità per chi pratica equitazione: corsi per principianti ed esperti, trekking a cavallo sono solo parte dell’offerta in valle, e, per i meno esperti, un giro in carrozza può essere un piacevole diversivo. La natura che circonda i nostri paesi può essere goduta anche con corsi e passeggiate organizzate di nordic walking e con ritiri di yoga in quota che permettono una connessione incondizionata con la montagna.
Le strutture ricettive della Valle del Biois sono principalmente a conduzione familiare, calde e accoglienti coccolano gli ospiti fin dal loro arrivo, offrono cordialità e servizi all’insegna del benessere e del relax. La cucina dell’intera area è semplice e genuina, molto apprezzata, da gustare nei tanti ristoranti tipici. Selvaggina, schiz, costicine di maiale, pastin, funghi, salumi e formaggi locali sono solo esempi delle specialità tipiche della tradizionale cucina valligiana. Nelle malghe ed agriturismi della Valle si possono degustare ed acquistare i prodotti lattiero-caseari che essi stessi producono oltre ad altri prodotti frutto della sapienza contadina di un tempo.
Intrattenimenti per tutti i gusti allietano le giornate in valle, mercatini artigianali, musica dal vivo, serate con cori di montagna, mostre, manifestazioni teatrali, intrattenimento per bambini sono solo alcuni degli appuntamenti estivi. Un evento conosciuto e molto amato a Falcade è “Se desmonteghea”: una splendida festa ricca di colore e tradizione per il rientro in paese degli animali dall’alpeggio estivo. Mucche ornate con corone di fiori, sfilano tra le vie del paese accompagnate dai pastori, suonatori e personaggi che rievocano i mestieri di un tempo, la festa è arricchita da un mercatino di prodotti artigianali e specialità gastronomiche. Gare e show dimostrativi sugli sci, fiaccolate, Pavarui, appuntamenti musicali, teatrali e tanto brulè riscaldano le fredde giornate e serate invernali. La Zhinghenesta movimenta la valle nel periodo del Carnevale. La Zinghenesta è la maschera tipica di Canale d’Agordo, la ragazza più bella del paese, eletta annualmente Regina del Carnevale, sfila accompagnata da alcuni personaggi della tradizione locale Matèi, Lachè, Paiàzi e Bèr tra musica e balli in marcia verso Canale d’Agordo, portano la loro allegria nelle strade della Valle del Biois, facendo poi ingresso nella piazza a Canale dove segue il processo al Carnevale.

Condividi su  -