aocrartdrena2.jpg
Castel Drena, foto aerea (foto 0-Crart) scorri la gallery!
droocrart.jpg
Dro (O-Crart)
marocche2.jpg
Le marocche di Dro (Ingarda)
marocchedro.jpg
Un'altra vista delle Marocche (Ingarda)
ocrartdrena.jpg
Drena ed il suo castello (Ingarda)
versodro.jpg
In parete guardando la valle del Sarca (Ingarda)
Trentino

Dro e Pietramurata

Lo storico borgo di Dro propone un'edilizia tradizionale rappresentata da abitazioni con eleganti portoni scolpiti, cortili recintati da muri di pietra e costruzioni monumentali di interesse come la chiesa di San Sisino (romanica), la parrocchiale, la chiesetta barocca di Sant'Antonio e la Toresela, avanzo di una torre che un tempo era posta a tutela e difesa della borgata.
Verso nord si trova il Dosso del Castello (presenti alcune rovine) e su un poggio roccioso si trova l'antica cappella di Sant'Abbondio (con tre lunette affrescate risalenti al '500 e tre altari di legno).
Da qui, a contrastare i dolci ambienti che caratterizzano l'area del Garda Trentino, si presentano le Marocche, interessanti fenomeni geomorfologici: si tratta di cumuli di frana caduti in epoca non precisata dai crinali del monte Casale e che, con un volume di 187 milioni di metri cubi, occupano una superficie di 14,5 kmq.
Sono il maggiore scoscendimento dell'arco alpino, una selvaggia distesa pietrosa attraversata dal torrente Sarca che si è aperto nei secoli un passaggio tra i detriti.
In zona sono presenti anche alcuni endemismi botanici e da alcuni bacini lacustri come il lago Bagatòl, di Cavedine e Solo. Ma poco oltre le Marocche il paesaggio, come detto, si addolcisce trasformandosi nelle campagne di Dro e Pietramurata dove, anche grazie agli influssi climatici del vicino Garda, si assiste alla crescita della "susina di Dro" e delle uve del "vin santo".

Sulla sinistra del Sarca si trova Ceniga, ai piedi delle pareti strampiombanti del monte Biaina (1412 mslm).
Spicca, a livello architettonico, la fontana in pietra che si trova dinanzi a Casa Zucchelli. Nella stessa sede si trova anche una granata della Prima Guerra Mondiale.
La chiesa dedicata agli apostoli Pietro e Paolo è impreziosita da un portale rinascimentale ed altri due barocchi. Ad ovest del paese, sulla strada per Maso Lizzone e Prabi, si trova un Ponte Romano sul fiume Sarca.

Pietramurata
Pietramurata si allunga tra il Sarca e la statale, sulla sinistra del fiume. Il nucleo primitivo si raccoglie attorno ad un enorme scoglio calcareo, un tempo emergente dalle paludi, sulla cui sommità si trovano i resti della Torre di Guaita (secolo XIV).
Il paese è di sviluppo recente, sorto attorno al fortilizio di guardia addossato al grande scoglio, legato alla bonifica ottocentesca delle paludi locali.

Condividi su  -