aavarazze.jpg
Varazze ed il suo mare (scorri la gallery!)
albisola1.jpg
Albisola
albisola2.jpg
Albisola
tina.jpg
Lago della Tina
tina2.jpg
Primavera attorno al Lago della Tina
Liguria

I dintorni di Varazze

Oltre al capoluogo provinciale Savona, sono Varazze, Celle, le Albisole, Pontinvrea e Sassello i comuni di questa estremità orientale della riviera delle Palme. Nell'entroterra, il monte Giovo e la val Bormida.
A Celle Ligure è dedicata una pagina apposita (clicca) per sottolineare la sua particolarità di località che ha scelto in modo quasi pioneristico la "sostenibilità ambientale" come chiave del suo sviluppo turistico. Una scelta che risale ai primi anni Duemila e che fa di Celle Ligure una località pionieristica.

Varazze deve il suo nome all'originario "ad Navalia" (romano) ed al successivo "Varagine", nome che compare in documenti del 967 d.C: Varazze è infatti una località nata per la navigazione.
Boschi ricchi di ottima legna ed una spiaggia adatta per il varo delle navi hanno reso possibile la nascita ed il consolidamento di questo legame tra Varazze ed il mare.
Come tutte le località della riviera, Varazze conserva la propria storia negli stretti vicoli del centro dove trovano sede palazzi medioevali e chiese di antica origine.
A settentrione resistono i bastioni dell'antica cinta medioevale che, peraltro, inglobano l'antica chiesa romanica di Sant'Ambrogio. La nuova Sant'Ambrogio risale invece al '500. Alla religione cattolica è legato anche il cittadino più famoso di Varazze: si tratta di Jacopo, frate domenicano vissuto nel XIII secolo che nel 1292 fu nominato Vescovo di Genova. Fu autore del Chronicon Januense: una completa narrazione della storia di Genova dalle origini al 1295.

Il Deserto di Varazze è il suo entroterra: niente sabbia, uadi o dune. Il territorio non è affatto privo di vegetazione verde e rigogliosa, ma è solo poco abitato. A questa caratteristica si deve il curioso soprannome dato a quella che i geografi individuano più prosaicamente come valle dell'Arrestra, un luogo dove trionfa la macchia mediterranea.

Forse ha origine in qualche errore di trascrizione la differenza toponomastica tra Albisola Superiore e Albissola Marina: due località unite in una, caratterizzata anch'essa da pregevoli centri storici e deliziose riviere.
Nel II secolo a.C. sulla collina sorgeva un nucleo fortificato conquistato poi dai Romani che fondarono Alba Docilia: nel '400 la città rinacque come Borgo Basso e diede i natali al famoso Papa Giulio II della Rovere.
Caratteristica principale della cittadina, oltre al limpido mare, è l'artigianato della ceramica, un settore che esporta la propria produzione in tutto il mondo. Nel 1963 alcuni artisti di fama hanno decorato la pavimentazione del "lungomare degli artisti", un mosaico da vedere.
Oggi nella casa-laboratorio che Manlio Trucco (1884-1974) donò al comune di Albisola si trova il Museo omonimo: offre una sezione didattica per illustrare le varie tappe della produzione albisolese, la Collezione Torterolo, vasi di farmacia e la sezione romana che conserva reperti archeologici di Alba Docilia.

Il monte Beigua protegge a nord Varazze. E' una montagna alta 1300 metri circa, caratterizzata da foreste di faggi e roveri: incredibili panorami si aprono su tutta la Riviera e, in alcuni giorni, raggiungono anche la Corsica. Sentieri e tracce forestali s'intrecciano in questo aspro entroterra: un'insolita meta per escursionisti e camminatori, ricca di motivi di interesse.

Una delle destinazioni di questo territorio è il lago della Tina, nella valle del Leone. Piccolo, ma profondo fino a sei metri, è un bacino alimentato dalle fragorose acque del rio Leone. Vi si accede camminando per poco più di un'ora dalla località Agueta, poco a monte di Arenzano (GE). Se ne parla più diffusamente in questa pagina (clicca).

Nell'entroterra un altro protagonista è il torrente Bormida, un nome unico per un fiume che in realtà deriva dalla confluenza di quattro diversi rivi che solo in Piemonte si uniscono nella Bormida vera e propria.
Tra queste terre ricche di boschi e prodighe di funghi, impreziosite da ruderi di castelli e ricordi di battaglie romane e napoleoniche, si può passeggiare godendo di una natura incontaminata. La val Bormida si offre integra, un polmone di aria fresca ed una gelosa custode di borghi e tradizioni contadine.

Condividi su  -