siusi1.jpg
Alpe di Siusi: panorami (scorri la gallery!)
siusi3.jpg
Siusi, dintorni
siusi5.jpg
Siusi
siusi5b.jpg
Alpe di Siusi: panorami
siusi6b.jpg
Alpe di Siusi: panorami
Alto Adige

Alpe di Siusi

Il fascino dell'Alpe di Siusi è molto democratico. Non serve, infatti, arrampicarsi su sentieri scoscesi o faticare per lunghe camminate per godere l'incanto di questo alpeggio in quota (si rimane tra i 1700 ed i 1850 mslm).
Si arriva in auto (solo se autorizzati) o funivia da Siusi (la frazione di Castelrotto che dona il nome all'altopiano) oppure in funivia da Ortisei ed una volta sull'altopiano non resta che passeggiare sui morbidi rilievi collinari ammirando la sagoma del Sassolungo davanti al quale pare inchinarsi il Sassopiatto. Ovviamente, non mancano obiettivi più impegnativi per chi ambisca a conquistare cime o semplicemente rifugi tra selle e valloni dolomitici.
I Denti di Terrarossa e lo Sciliar incorniciano i rilievi a sud dell'Alpe mentre volgendo lo sguardo verso nord, soprattutto una volta raggiunti i dintorni di Saltria, l'altro nucleo abitato dell'Alpe, si possono ammirare le Odle ed il gruppo Puez.
Le escursioni sono numerose e spaziano dalle semplici passeggiate sull'altopiano alle più impegnative salite verso alcuni dei rilievi dell'alpe (monte Piz, monte Bullaccia) fino ad arrivare a obiettivi ambiziosi come il rifugio e la cima Sassopiatto, il rifugio Vicenza o passaggi verso il gruppo ed i rifugi del Catinaccio, preceduti dal passo Molignon o dal vicino rifugio Alpe di Tires. Straordinaria anche la vista offerta dal rifugio Bolzano, vicino alla vetta del monte Pez.
In bici si accede su asfalto da Siusi mentre da Ortisei o Santa Cristina, come dalla Val di Fassa (molto più impegnativo), bisogna alternare tratti sterrati a tratti asfaltati.
Si può arrivare anche direttamente dalla val di Fassa risalendo le temibili pendenze della val Duron passando per il rifugio Micheluzzii: la strada, però, è lunga!
Indimenticabile, davvero, il quadretto estivo con ampi prati da sfalcio punteggiati da baite in legno che vivacizzano il panorama sopra il quale svettano le Dolomiti.
Anche d'inverno, insieme ai tanti sciatori che affollano le piste da discesa, numerosi visitatori percorrono i facili sentieri dell'altopiano alla ricerca di meraviglie e ricordi accessibili senza fatica.

Condividi su  -