0001 - Slea Drive, Dingle peninsula.jpg
In bici sulla Dingle peninsula (scorri la gallery!)
0884 - Dingle Peninsula copy.jpg
Dingle peninsula
0886 - Dingle Peninsula.JPG
Dingle peninsula
0914 - Verso ovest, dal Clifftop, Dingle Peninsula.JPG
Lunghi tramonti nell'estate irlandese
1044 - Attorno a Dingle.JPG
Dingle peninsula
1095 - Slea Drive, Dingle peninsula.JPG
Dingle peninsula
1096 - Slea Drive, Dingle peninsula.JPG
Dingle peninsula
1110 - Slea Drive, Dingle peninsula.JPG
Dingle peninsula
1131 - Conor pass.JPG
Al Conor Pass
1133 - Dintorni di Conor pass.JPG
Conor pass e dintorni
Non Solo Nord Italia

Dingle Peninsula

Irlanda, isola di smeraldo.
Irlanda, isola di verdi pascoli, spiagge quasi caraibiche e cieli cangianti. Irlanda terra di musica tradizionale, letteratura ed indipendentismo mai sopito.
Irlanda terra di antiche chiese, maestosi castelli e siti archeologici d'epoca preistorica.
Irlanda, terra di tanti percorsi anche per chi ama pedalare. 
Un itinerario, meno frequentato degli altri ma non per questo meno meritevole (anzi) è lo Slea Head Drive che corre attorno alla penisola di Dingle e consente di ammirare una  serie di splendide ambientazioni. Percorrerlo in bici, in senso orario (per ridurre il numero di .. sorprese dietro le curve), consente di godere di questi panorami con la possibilità di fermarsi ogni volta che si vuole scattare una foto o dedicare uno sguardo più approfondito ad una baia, un gregge di pecore, un agnellino, un'isola lontana.
La partenza è a Dingle, cittadina variopinta che dà il nome alla penisola, ma trattandosi di un percorso circolare si può partire da ogni punto dell'anello. Inutile parlare di salite e discese: tutto il percorso è un continuo susseguirsi di lievi salite ed altrettanto lievi discese che rendono la pedalata impegnativa ma non proibitiva. Superfluo anche descrivere bivi ed incroci: si segue sempre la strada principale R559, assecondando le indicazioni Slea Head Drive (Slí Cheann Sléibhe, in gaelico).
Meglio dunque accennare alle meraviglie che s'incontrano lungo la pedalata: la tranquilla baia di Ventry, con eleganti ville e barche ormeggiate a punteggiare di colori le placide acque della baia; i verdi pascoli sui declivi che scendono in mare e si affacciano sulle montagne della penisola di Iveragh e dell'ancor più distante isola di Skellig Michael; le tracce di antiche costruzioni religiose ma ad emozionare più di tutto sono, probabilmente, le baie attorno a Coumeenole. Qui le scogliere si aprono dando spazio ad alcune ampie spiagge dove il mare spicca per la sua trasparenza. Sullo sfondo le Blasket Island.
La pedalata prosegue ancora regalando panorami sempre nuovi sulla costa, che precipita a mare tra ruvide scogliere, ed il contrastante profilo dei pascoli dove pecore e mucche vagano tranquille, disturbate solo da qualche fotografo.
In tutto la pedalata misura 54 chilometri: sono presenti frequenti punti di ristoro. Attenzione alle curve: la strada è stretta, soprattutto tra Ventry e Coumeenole, e dietro ogni curva può arrivare un veicolo! Gli autobus ed i pullman procedono tutti in senso orario.

Un'altra interessante destinazione, partendo da Dingle, è il Conor Pass: chi si trovasse da queste parti e non volesse rinunciare ad una bella salita può dedicarsi a questo valico. Alto 410 metri dista poco meno di otto chilometri dal centro di Dingle: la strada che vi accede è molto ampia e procede con pendenza quasi costante, sempre attorno al 5-7%. Ben diverso l'altro versante, quello di Tralee, che termina con una strada stretta, incavata tra le rocce (attenzione agli incroci con i veicoli provenienti nel senso opposto): la salita vera e propria parte da Spritsing e misura cinque chilometri, tutti con pendenza intorno al 7%.

Non dimenticate una mantellina antipioggia, siamo in Irlanda!

Condividi su  -