0Cimmodamarmentino.jpg
Cimmo da Marmentino (scorri la gallery!)
IMG_2080.jpg
WP_20160914_14_02_45_Pro.jpg
WhatsApp Image 2018-07-02 at 10.58.16 (1).jpeg
Pedalando in alta Val Trompia
maniva.jpg
Vista su Maniva
marmentinocascina.jpg
Una cascina a Marmentino
sopramarecc.jpg
Sopra Marecc
vaghezza.jpg
Vaghezza
Lombardia

Alta Val Trompia

L'alta Val Trompia si raggiunge in poco meno di un'ora da Brescia ed è quasi idilliaca se confrontata ai luoghi attraversati per raggiungerla.
Infatti, da Brescia fino a poco prima di Marcheno si è immersi in una realtà fortemente industrializzata, urbanizzata e multietnica. Lo sviluppo tumultuoso ha lasciato ben poco alla natura ed alla salvaguardia dell'ambiente.
Oltrepassato Marcheno, al contrario, la valle si fa più stretta, i camion scompaiono ed i paesi diventano molto più caratteristici.
Da Lavone stacca la frequentatissima strada che porta alle pendici del monte Guglielmo, vero e proprio santuario (anche perchè in vetta, un santuario c'è davvero!) degli amanti della montagna bresciani. In alta valle ci si avventura fino alle pendici del Maniva, comprensorio sciistico invernale, e apprezzata meta per escursioni in media montagna durante la bella stagione.
Proponiamo di seguito una serie di itinerari per pedalare in questo angolo di Alpi bresciane.
Itinerari per tutta la provincia di Brescia anche su www.bresciainbici.it.

GIRO IN QUOTA: CAREGNO
Da Bovegno si scende fino a Lavone (4.1 km) lungo la statale della val Trompia dove si svolta a destra per risalire verso Pezzaze e poi Pezzoro (km 3.5-4). Dal paese si prende la strada che porta alla forcella di Pezzoro in cui comincia un lungo tratto di strada sconnessa ed in saliscendi che mantiene a quota 1000 metri nella zona del Caregno. I primi tornanti segnano l'inizio di una veloce ed impegnativa discesa su fondo asfaltato che porta fino ad Inzino ed a Gardone Val Trompia da cui si risalirà fino a Bovegno (la risalita in falsopiano lungo la statale misura 16 km). Nella sua completezza il tracciato circolare qui disegnato è di 30 km circa. Da Pezzoro si può anche raggiungere il rifugio Valtrompia a 1259 mslm in poco più di due chilometri: la strada è ripida e percorrerla tutta in sella è una bella sfida!
Grazie a www.salite.ch, l'altimetria da Gardone ai Prati di Caregno.



PASSO MANIVA
Bella salita: panorami e impegno severo per ogni ciclista che voglia valicare i 1700 metri di questo passo. Da Bovegno si sale con tranquillità a Collio e poi a San Colombano. Già in questo abitato la strada prende a salire decisamente con pendenze anche superiori al 10% per poi alternare tratti molto duri a tratti "normali" (7-8%). Da segnalare anche la presenza di numerosi tornanti che oltre a permettere di ammirare l'alta Val Trompia allontanarsi sempre più offrono attimi di tregua. In totale si supera un dislivello di circa mille metri in diciotto chilometri (da Collio, 11.5 km e dislivello di 800 metri). Dal passo in mtb si può scendere ad Anfo, sul lago d'Idro (via passo Baremone), o salire ulteriormente fino al Dosso del Gallo - su sterrato. Da questo punto si può tornare indietro oppure scendere al Passo Croce Domini, 1896 mslm, su sterrato e magari chiudere un impegnativo anello raggiungendo Valle Dorizzo, Bagolino, Anfo ed il passo Baremone (mtb). Valle Dorizzo, a Bagolino ed al Lago d'Idro.
Grazie a www.salite.ch, l'altimetria della salita da Collio.



COLLE SAN ZENO
Raggiunto Lavone in quattro km di discesa dolce si svolta verso Pezzaze, paese che si raggiunge in 2.5 km di salita di medio livello. Da Pezzaze il fondo stradale è asfaltato per altri tre chilometri ed in seguito, dopo Aiano, si fa sterrato. La salita è abbastanza lunga (12 km da Pezzaze) ma mai proibitiva e si può percorrere anche se non si eccelle in forma fisica. Quando la strada prosegue facendosi più rettilinea, il rifugio Piardi (1149 mslm) ed il Colle San Zeno (1434 mslm) sono ormai prossimi. Dal punto di arrivo di questo itinerario si può osservare un bel panorama sulla zona del Lago d'Iseo e sulla alta Val Trompia e, se lo si desidera, si può scendere per la val Palot fino ad arrivare, dopo parecchi chilometri, a Pisogne, sul margine estremo del Lago d'Iseo.
Grazie a www.salite.ch, l'altimetria della salita da Lavone.


MARMENTINO
Marmentino si compone di varie frazioni e località sparse sullo spartiacque tra la val Trompia e la val Sabbia. Si tratta di una vallata di facile accesso che collega i centri della val Trompia più settentrionale con Vestone e l'alta val Sabbia.
La quota massima raggiunta è di 950 metri circa, a nove km di distanza da Tavernole sul Mella. Scollinati si può anche scendere a Vestone (km 28 da Tavernole) e poi tornare in Val Trompia risalendo da Casto e Lodrino, disegnando quindi un lungo anello nel cuore della montagna bresciana.


LODRINO
Breve salita che porta alle case di Lodrino, centro collocato a 700 metri di altitudine sullo spartiacque tra la val Trompia e la Val Sabbia.
Lodrino si raggiunge con una salita agevole, salvo alcuni tratti molto severi, ed abbastanza tortuosa. Il bivio per l'inizio di questa salita è a Brozzo, nei pressi di Marcheno, un paese dove si incomincia ad assaporare un clima più montano rispetto alla bassa Val Trompia. I km di salita sono sei, il dislivello di 350 metri circa pedalati su una strada dalla sede non ampia e sostanzialmente poco frequentata, ideale per una pedalata tranquilla.

Condividi su  -