04b - Alpe di Siusi, Sciliar.jpg
Autunno sull'Alpe di Siusi: lo Sciliar
07 - Alpe di Siusi, Sciliar.jpg
11 - Alpe di Siusi, Odle.jpg
Vista sulle Odle
12 - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sassopiatto.jpg
Sassolungo e Sassopiatto
14 - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sassopiatto.jpg
16 - Alpe di Siusi, Odle.jpg
Odle dall'Alpe di Siusi
26 - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sella.jpg
Sassolungo e gruppo Sella
28b - Alpe di Siusi, Odle dai pressi della baita Sanon.jpg
Odle dai pressi della baita Sanon
30 - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sassopiatto (2).jpg
Una serie di viste su Sassolungo e Sassopiatto, in autunno
34 - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sassopiatto.jpg
44 - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sassopiatto.jpg
46 - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sassopiatto.jpg
56b - Alpe di Siusi, Sassolungo e Sassopiatto.jpg
Siusi 1.jpg
Sassopiatto
Siusi 2.jpg
Denti di Terrarossa
Autunno

Alpe di Siusi

Incantevole in ogni periodo dell’anno, l’Alpe di Siusi non manca di emozionare durante l’autunno.
Sono tantissimi i larici, oltre a qualche latifoglia qua e là, che punteggiano il panorama ed è pertanto indimenticabile lo scenario tra ottobre e novembre. E’ difficile individuare il percorso migliore, molto dipende dalla via di accesso all’Alpe e dalla modalità scelta: bici, mtb o scarponi e bacchette?

Chi ama pedalare, infatti, può salire da Castelrotto fino a Compatsch e poi proseguire fino a Saltria, restando sempre su asfalto. Questa salita, impegnativa, è stata anche teatro di una cronoscalata durante una recente edizione del Giro d'Italia: i dettagli altimetrici su www.salite.ch

Chi, invece, preferisce la mtb può comunque salire da Castelrotto - ma anche da Santa Cristina di Val Gardena o Ortisei - e volendo raggiungere passo Duron per conquistare un panorama ancora più ampio, quasi ai piedi del Sassopiatto.

A piedi le possibilità per passeggiare sono pressochè infinite e numerosi sono i rifugi aperti fino ad ottobre ed anche alle festività di Ognissanti. Un itinerario circolare, da disegnare a piacere, con base a Compatsch, è probabilmente la soluzione più appagante. Sono le Dolomiti ad incorniciare ogni sguardo: le Odle ed il Puez, verso nord; Sassolungo e Sassopiatto, ad est; le estreme propaggini del Catinaccio, i Denti di Terrarossa, a sud.

Clicca per aprire un pop-up (verifica che non siano disabilitati) e visualizzare così una mappa d'insieme dei sentieri in partenza da Compatsch

Condividi su  -