05 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
Una serie di immagini tra vigneti e borghi attorno al lago di Caldaro
06 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
07 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
13 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
14 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
15 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
19 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
32 - Mele e castelli diroccati.jpg
47 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
48 - Caldaro ed i suoi panorami, tra lago, boschi e vigneti.jpg
Caldaro 01.jpg
Caldaro 02.jpg
Caldaro 03.jpg
Caldaro 04.jpg
Caldaro 05.jpg
Caldaro 06.jpg
Caldaro 07.jpg
Caldaro 08.jpg
Caldaro 09.jpg
Caldaro 10.jpg
Caldaro 11.jpg
Caldaro 14.jpg
Autunno

Attorno a Caldaro

Caldaro ed il suo lago offrono diverse opportunità per una passeggiata autunnale.

Restando nel fondovalle, il bel borgo di Caldaro, con le sue cantine e le sue volte, può essere la base di partenza per una camminata tra le vigne fino al lago: poca fatica, poco dislivello anche se la distanza colmata non è indifferente. Si procede seguendo le indicazioni, alternando tratti su asfalto (provinciali prive di traffico) a tratti su sterrato tra i vigneti.

Un po’ più impegnativa ed impervia la salita dalla frazione di San Giuseppe al Lago alla frazione Altenberg (Castelvecchio) ed alla sua romantica chiesetta. Procedendo nel bosco - dalle viette di San Giuseppe - si sale con decisione seguendo le indicazioni per poi rientrare percorrendo la valle dell’orso (Barental) caratterizzata, più che dal plantigrado, da numerose cascate e svariati giochi d’acqua. Una piccola deviazione porta a conoscere  ciò che resta di una delle più antiche chiese tirolesi: i ruderi di San Pietro. Il dislivello di questa passeggiata è inferiore ai quattrocento metri ma concentrato su un percorso davvero breve: inevitabili, quindi, tratti con pendenze significative!

Ma il clima mite dell'Oltradige invita a pedalate fino a novembre: c'è poco traffico e si possono disegnare così interessanti percorsi che salgano alle frazioni più in quota riducendo al minimo l'utilizzo della strada statale che, invece, è sempre abbastanza frequentata. Anche l'altitudine modesta del passo della Mendola consente di sfidarsi su una salita impegnativa, senza patire troppo il freddo! (clicca qui per un'altimetria da www.salite.ch)

Clicca per aprire un pop-up (verifica che non siano disabilitati) e visualizzare così una mappa d'insieme di questa escursione!

Condividi su  -